Uno studio sul niente – Viaggio in Giappone

 12,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
Categoria:

“Come puntualizza Michel Onfray, sono davvero pochi i viaggiatori che ‘distillano i propri spostamenti in una raccolta di versi’. E credo ci sia una ragione per questo. In fondo non è poi così difficile raccontare la sensazione che si prova a mescolarsi alla folla della metropolitana di Tokyo. E non lo è nemmeno raccontare il sapore di una scodella di ramen a cui ci si avvicina nel cuore della notte o il senso di spaesamento che si prova di fronte a una tenda che reca solo un aggraziato, e del tutto incomprensibile, ideogramma. Ma la prosa è inadatta a raccontare, senza rischiare il ridicolo, alcuni momenti, alcune immagini, specialmente in un Paese così complesso e lontano come il Giappone. Per esempio le rivelazioni sfuggenti, indecifrabili, che si manifestano di fronte a un giardino di pietra o le sensazioni contrastanti che prova un viaggiatore solitario nel momento in cui si interrompe il flusso dei pensieri eccitati dalla novità, dall’ebbrezza del sentirsi, semplicemente, lontani… I versi di Buonaguidi svelano che il segreto, in questi casi, è togliere, ridurre all’essenziale, che solo la poesia può raccontare certi frammenti di esperienza. L’invisibile.”
(dalla postfazione di Patrick Colgan)

Luca Buonaguidi (Pistoia, 1987), psicologo e scrittore, ha una lunga frequentazione con l’Asia e l’Appennino tosco-emiliano. Lavora in una comunità terapeutica, conduce laboratori espressivi e studia l’Altro attraverso la musica, la letteratura e il viaggio. Ha scritto per varie riviste culturali; di punk italiano anni ‘80 in Franti – Perché era lì. Antistorie da una band non classificata (Nautilus Autoproduzioni, 2014); in poesia con I giorni del vino e delle rose (Fermenti, 2010), Ho parlato alle parole (2014, Oèdipus) e su varie antologie. È co-autore di progetti multimediali con fotografi e musicisti, agitatore culturale sulle montagne e nelle periferie. Uno studio sul niente – Viaggio in Giappone è il suo secondo viaggio geopoetico dopo INDIA – complice il silenzio (Italic Pequod, 2015).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Uno studio sul niente – Viaggio in Giappone”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *