Progenie suicida

 18,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
Categoria:

Jimmy è un giovane universitario affetto da epilessia focale e da forti complessi di inferiorità, che lo hanno spinto in uno stato di progressiva alienazione dalla realtà circostante. Comincia a porsi degli interrogativi esistenziali, convinto che non vi siano limiti all’egoismo e all’avidità dell’essere umano. Il suo curioso nome americano, ricordo di una rimpianta parentesi lavorativa del padre negli Stati Uniti, lo ha sempre spinto al confronto con altre realtà e alla mitizzazione della civiltà scandinava, che lui considera superiore rispetto ai tratti caratteristici del suo paese, quali il familismo, l’arrivismo e l’arretratezza nel campo dei diritti civili. La sua profonda ammirazione per il modello nordeuropeo, maggiormente improntato ai valori del pacifismo, dell’eguaglianza e della solidarietà internazionale, lo porta a raggiungere nuove latitudini e ad abbandonare una famiglia disfunzionale e una vita senza senso in una deludente provincia italiana. Suo compagno di viaggi è Jason, un ragazzo americano conosciuto qualche anno addietro durante una vacanza nel New Jersey, che sembra incarnare l’innocenza di una certa America liberal e progressista. Le loro vite collidono in un milieu insoddisfacente e disarmante, scenario della disperazione di kierkegaardiana memoria, colta nelle sue più varie sfaccettature, non sempre urlata, ma più spesso soffocata e repressa.

Maria Chiara Ronconi è autrice di racconti brevi e testi teatrali. Ha partecipato a vari cineforum e a numerosi festival della letteratura e del cinema, completando il suo romanzo d’esordio durante lo studio delle lingue scandinave e della filologia germanica. Fra i suoi autori preferiti vi sono William Faulkner, August Strindberg e Thomas Mann.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Progenie suicida”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *