Sivori, un vizio

 16,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
Categoria:

Gli eccessi del calcio di oggi, la sua stessa invadenza ed ipervisibilità, possono indurre nella tentazione della nostalgia per il gioco di ieri, quando il calcio era uno sport di massa ma non ancora uno spettacolo televisivo esclusivamente sostenuto dal business. Non è la nostalgia ma il recupero ostinato di antiche emozioni a giustificare questo libro che incrocia di continuo il calcio e la letteratura. Il mito di Omar Sivori e degli “angeli dalla faccia sporca”, il Grande Torino, l’Inter di Herrera, il Milan di Nereo Rocco e Gianni Rivera, antiche fisionomie di campioni e di oscuri comprimari, qui si legano ai testi di scrittori e giornalisti che nel corso di un secolo, ormai, hanno saputo raccontare il calcio come un luogo cruciale dell’immaginario nazionale e della cosiddetta identità italiana, da Gianni Brera e Mario Soldati a Salvatore Bruno e Giovanni Arpino. Composto a mosaico, scritto in uno stile secco e tagliente, Sivori, un vizio rappresenta un omaggio alla duplice passione che è all’origine di una stessa vocazione critica, dove si incontrano in retrospettiva, come si trattasse dei frammenti di un romanzo di formazione, la Juve del grande Omar, la Lazio allo stadio Flaminio, immagini di Luigi Riva e Giacinto Facchetti insieme con le pagine di alcuni fra gli autori più amati, Pier Paolo Pasolini e Vittorio Sereni.

Massimo Raffaeli scrive di critica letteraria su quotidiani e riviste. La sua produzione è raccolta in una decina di volumi, fra cui Novecento italiano (Luca Sossella Editore, 2001) e Don Chisciotte e le macchine. Scritti su Paolo Volponi (peQuod 2007). Si è a lungo occupato del rapporto fra il calcio e la letteratura curando edizioni di Mario Soldati, Gianni Brera e Giovanni Arpino.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Sivori, un vizio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *