La cattiva strada

 18,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
Categoria:

Quando si pensa alle dittature sudamericane, vengono in mente l’Argentina e il Cile, non il Brasile. Con La cattiva strada, suo libro d’esordio, Marta Orazi scrive un romanzo storico che attraversa gli anni caldi del secolo scorso (dal 1968 al 1971), in Brasile e in Francia. João, personaggio affascinante e complesso (che ricorda Nikolaj Stavrogin de I demoni di Dostoevskij) è bellissimo, algido, capace di grandi slanci di generosità come di bassezze e di opportunismi. Una strana aridità sentimentale non gli impedisce di innamorarsi delle persone sbagliate, marginali e borderline di cui ama la vulnerabilità ma che mettono in serio pericolo il suo sempre precario equilibrio psichico. La passione politica prevale su ogni altra, ma il senso di inutilità dovuto all’esilio la fa spegnere. Corinna invece è una roccia, e per questo João si aggrappa sempre di più a lei, intuendo che è la sua unica ancora di salvezza, ma senza mai amarla con la stessa intensità con cui Corinna ama lui. Sullo sfondo, il ’68 brasiliano viene raccontato con una prosa originale e avvincente, dal ritmo velocissimo, incalzante, che mantiene alta l’attenzione dei lettori fino all’ultima pagina..

Marta Orazi vive a Fano, nelle Marche, dove insegna lettere in un liceo scientifico. Questo è il suo primo libro.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La cattiva strada”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *