L’attesa sulla soglia

 12,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
Categoria:

Quali esitazioni, quali entusiasmi animano l’attesa sulla soglia, subito prima della partenza per un viaggio a lungo agognato e meticolosamente organizzato? Un viaggio da Trento all’Ararat, tutto via terra e con mezzi pubblici, attraverso i Balcani, l’Anatolia, il Caucaso, il Kurdistan. Tra la gente, tra la polvere.
Ma il viaggio comincia già dall’osservazione della topografia storica e dagli incontri che si possono compiere per le vie della propria città – tra le quali s’insinua, assieme agli echi delle guerre in atto, un’irrequietudine che getta un’ombra anche sulla quotidianità più ordinaria.
La soglia da attraversare è allora quel «confine che come una cicatrice ti porti sulla pelle»: non una via di fuga, ma un varco che permette di uscire dal proprio spaesamento e dalla propria inadeguatezza alla vita, per cercare una consapevolezza più acuta e una più concreta esperienza del mondo.
All’approssimarsi della partenza, in un inverno che si prolunga oltre ogni previsione, si resta così – in attesa sulla soglia, emozionati e interdetti. Quel che ne rimane è un «gesto umile ma civile: / scrivere, cercando di capire».

Luca Medeot è nato nel 1972. Dopo aver vissuto a lungo in provincia di Gorizia, è tornato nella natia Trento. Qui fa prima il libraio e poi l’insegnante. Da anni lavora a un lungo racconto in versi, un poema di viaggio tra l’Italia e l’Armenia, del quale il presente volume costituisce il prologo.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’attesa sulla soglia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *