La spoliazione

 15,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
Categoria:

Tra la fine di marzo e la fine di agosto del 1811, due professori delle Accademie di belle arti di Modena e di Ferrara, Giuseppe Santi e Antonio Boccolari, percorrono in lungo e in largo le Marche per prendere visione dei dipinti delle chiese che il Regno d’Italia napoleonico ha incamerato nel “patrimonio demaniale”, e scegliere quelli che devono essere spediti a Milano per arricchire la nuova pinacoteca nazionale di Brera.
Complessivamente a Milano giungono 157 opere; tra queste, il Polittico di Valle Romita di Gentile da Fabriano, la Pala Montefeltro di Piero della Francesca, L’Annunciazione di Ascoli di Carlo Crivelli,  il Polittico di San Domenico e tutte le altre opere di Crivelli che si trovavano a Camerino, il Polittico di Cagli di Niccolò di Liberatore, tavole del Signorelli conservate a Fabriano e ad Arcevia, il San Sebastiano di Liberale da Verona, prelevato ad Ancona, la Pala di Pesaro di Giovanni Girolamo Savoldo,  la Pala di Amandola di Pietro da Cortona.
Metti che a distanza di due secoli Gentile, Piero e Crivelli rivolgano un appello per il ritorno nelle Marche delle opere sottratte; metti che lo Stato Italiano e la città di Milano non vogliano sentirne parlare. Allora intervengono gli angeli.

Michele Polverari (1950) è stato direttore della Pinacoteca Comunale e curatore del Museo della Città di Ancona. Presso PeQuod ha pubblicato altri due lavori teatrali: Il conforto e 1860. La perdita del Papa.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La spoliazione”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *