Avvincente storia dell’oblio

 12,00

This field can't be Empty
This field can't be Empty
Categoria:

Una lucidissima certezza e una matematica inquietudine percorrono i versi di Antonio De Mitri, nei quali la parola poetica si fa veicolo di realtà amare, molto amare, e nello stesso tempo appare come l’unica possibilità di tener testa all’oblio, girandogli intorno, cercando, se possibile, di definirlo, e forse anche di sfidarlo. E allora, la fragilità per un istante si fa forza (un’ora / solo / un’ora. / e sarò solo. / il nulla / a contemplarmi. / dal pensiero assente / e dal presente. / un’aura / divagante. // solo / un varco / di luce prepotente / a orientare le mie forze / nel vano / un coro / di animelle / a salutare l’ascendente / e non sarò / solo), una dignità coraggiosa e commovente rivendica la sua umanissima presenza [come un’arida pellicola (senza spessore e senza farmi del male) aderire all’efferato destino del mio corpo], e infine al soverchiante avanzare dell’inesorabile, un assedio dall’esito scontato, si oppone una fermezza intellettuale con una logica interiore inoppugnabile, del tutto inutile, purtroppo, ma necessaria e dovuta, sicuramente dovuta.
Ed è questa perseveranza che, probabilmente, riesce ad essere, anche solo per un brevissimo istante, “avvincente”.

Antonio De Mitri nasce a Copertino (Lecce) nel 1980. Cresce nei dintorni. Poi degenera a livello mondiale. Altre pubblicazioni: Uno (Manni Editori, 2005).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Avvincente storia dell’oblio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *