Tempo circolare (poesie 2019-1997)


Poesia #7
Pagine: 283
ISBN: 9788860681461
Pubblicazione: 23 maggio 2019
€ 18,00

Daniele Mencarelli è riconosciuto come uno dei migliori poeti nati negli anni Settanta. La sua originalità risiede in una poesia apparentemente semplice, che prende atto dei piccoli dettagli della vita, ma che in realtà mostra gli imponderabili squarci di un creato dove nulla è casuale. L’elemento autobiografico delle sue opere più note - “Bambino Gesù”, “Figlio” - è appena mascherato e deformato, ma conserva un ruolo essenziale dove è evidente l’esperienza umana in un ospedale pediatrico oppure quella di genitore. Il titolo dell’opera che raccoglie una significativa scelta di tutte le poesie dell’autore richiama il tempo per eccellenza riservato a quegli umani che si adeguano alle stagioni: nascita, maturazione, morte e poi di nuovo nascita: come gli alberi, le piante, i fiori. La natura. Nella poesia non esiste un ordine precostituito. Infatti la poesia è la prima deviazione umana dall’ordine naturale, dare una voce con ritmo e pause alla bellezza che ci circonda. Mencarelli sceglie il tempo circolare ma nel suo farsi non rinuncia al tempo lineare, quello degli inquieti, dei grandi viaggiatori, dei pazzi, dei giramondo, una successione di momenti unici che superano quelli precedenti, dove nulla è uguale a prima. Quei momenti unici sommandosi fanno sintesi e giungono a una somma che rende il tempo simile a una spirale. Mencarelli ha dato ordine a queste inquietudini che sembrano tornare, ma sono sempre più nuove di quelle che le hanno precedute. I versi precisi, limati da un andamento che predilige spesso il ritmo dell’endecasillabo, conducono alla verità che ogni forma d’arte possiede quando è praticata con l’occhio più autentico. (Mario Desiati)

Acquistalo su: Ibs | Amazon

Nella collana anche: